Nabla GOLDUST Collection (swatches e prime impressioni!)

novembre 29, 2016

Quando venerdì mi è arrivata la mail dal press office di Nabla in cui la gentilissima Serena mi invitava a provare in anteprima la collezione GOLDUST sono letteralmente esplosa dalla felicità: la mia prima collaborazione e con uno dei miei brand preferiti in assoluto! Proprio il giorno prima stavo fantasticando sul comunicato stampa e non vedevo l'ora di vedere i primi swatches per decidere quali acquistare: chi l'avrebbe mai detto che poi li avrei fatti io sulle mie braccia?
L'azienda in questo caso mi ha inviato l'intera collezione (e per questo la ringrazio infinitamente) e io non vedo l'ora di parlarvene! Mettetevi dunque comodi perché questo post sarà lunghetto!
Attenzione: i miei swatches sono tutti eseguiti con primer e su una pelle a sottotono freddo (Estate Assoluta in armocromia) tenete conto di questo nel momento in cui pensate se è un colore che può andare bene per la vostra carnagione (se siete calde è probabilissimo che vi doni l'80% delle nuance).
Intanto vorrei un attimo porre l'attenzione su questa bellissima box dentro alla quale erano collocati i cinque Diva Crime e il Dazzle Liner. Appena l'ho vista mi sono sentita subito catapultata dentro al Grande Gatsby! Non ho onestamente idea se sarà presente come cofanetto limited edition giovedì, lo spero molto perché è davvero un pezzo da collezione! Vediamone il contenuto iniziando dai rossetti!

DIVA CRIME


Le tonalità di Diva Crime proposte sono in tutto cinque, come dicevo più su, e devo dire che riprendono le tipologie di colori usciti con la collezione Artika l'anno scorso: c'è un nude, c'è un berry, c'è un rosso particolarissimo non proprio rosso e c'è un rossetto molto scuro. In più c'è quel bellissimo rosso acceso che vedremo tra poco. Devo dire che forse speravo in colori diversi, più in linea con quelli che sono stati i trend di quest'anno come ad esempio i mauve o i viola. Ottimo invece l'inserimento di una nuance dal finish metallizzato, super in voga in questo 2016. Tutti i rossetti hanno un packaging oro in edizione limitata e hanno finish matte. Andiamo con ordine e vediamo bene i colori:

Bye Bye Birdie viene descritto come un intenso neutro beige con una punta di rosa caldo. Su di me diventa praticamente un pesca che forse forse potrebbe starmi bene in estate con l'abbronzatura. E' opaco e la texture è abbastanza morbida, tipico dei nude del brand, si opacizza ma non del tutto rimanendo comunque cremoso e confortevole sulle labbra. Comparandolo all'unico 'nude' che possiedo di Nabla, ovvero Ombre Rose si vede come in realtà abbia una forte componente beige e calda; Faux è più chiaro e decisamente rosato e Brave è rosa e freddissimo.


Arabesque viene descritto come il colore delle bacche [...] una tonalità purpurea medio-scura. Confermo tutto anche se in realtà non è così scuro, per me può essere perfetto per fungere da rossetto da tutti i giorni perché mi sembra molto portabile anche di giorno non essendo particolarmente acceso o cupo. Aggiungo anche che è bello freddo (sììì finalmente!). E' scorrevole pur non essendo cremoso come Bye Bye Birdie ed è bello omogeneo. Non ho rossetti simili quindi l'ho comparato con le due Creamy Comfort Lip Liner di Kiko nelle tonalità n°315 che è più rosata e decisamente grigia e n°314 che invece vira più sul fucsia ed è più scuretta; la tinta Duo Kisses n°07 di Wycon invece è ancora più fredda e violacea. Rebel di MAC (non presente in questo swatch) è invece più acceso e fucsia/vinaccia oltre ad avere un finish diverso.

Dragonfire viene descritto come un rosso fuoco caldo dalla fiamma arancio. E infatti è un bellissimo rosso aranciato super acceso che a me piace un casino nonostante non sia un 'mio colore'. E' quello più secco dei cinque, ha la medesima texture di Vertigo che adoro. Nonostante questo rimane confortevole sulle labbra. L'ho affiancato a due rossi freddissimi - Russian Red e Ruby Woo di MAC - per far capire il grado di saturazione e di colore molto più simile al famosissimo Lady Danger di MAC.

Moulin Rouge è descritto come un porpora-copper delicatamente metallizzato. Dalla preview lo immaginavo molto più arancione ma questa versione un po' muted non mi dispiace (sorvolando per un attimo sulla mia carnagione). Mi piace il tocco metallizzato ben bilanciato e per niente esagerato perché dona immediatamente tridimensionalità e luminosità a una nuance che di suo certamente non spicca per brillantezza. La texture è la stessa di Arabesque, né secca né troppo scivolosa. Non ho aggiunto alcuna comparazione in quanto non possiedo nulla di simile.

Dilemma viene descritto come un marrone wengé scurissimo dal sottotono cioccolato e dalla leggera patinatura plumbea. Descriverlo è un bel dilemma (e con questa mi gioco qualsiasi collaborazione futura ahah). Inizialmente nel video di Mr Daniel sembrava un marrone cioccolato alla Antique Velvet di MAC, swatchandolo sul braccio invece ne ho colto diverse sfaccettature. La base a tratti sembra violacea ma il rossetto una volta indossato perde questa componente e guadagna la famosa patinatura plumbea che a tratti sembra verde/azzurra. Un colore sicuramente molto particolare e difficile da portare, decisamente insolito. Per quanto riguarda la texture io di primo impatto l'ho sentita particolarmente scivolosa e cremosa, per un colore così scuro - che sicuramente ha bisogno di più accortezze - avrei sperato in una consistenza più simile a quella di Dragonfire. Comparato ad Antique Velvet di MAC si notano le features di cui ho parlato sopra, Instigator di MAC invece non c'entra nulla in quanto viola. A mio avviso potrebbe somigliare moltissimo a Smoked Purple di MAC che però non possiedo.


DAZZLE LINER
Il Dazzle Liner 'Klimt' è il primissimo eyeliner liquido lanciato dal brand. Un eyeliner oro rosso delicatamente duochrome che ha l'aspetto dell'oro colato. Lo sto indossando ora e brilla di luce propria. Visto da una certa prospettiva è rosso, nel momento in cui è colpito dalla luce invece esce il suo meraviglioso effetto specchiato. Nel tube appare disomogeneo - il rosso è scisso dall'oro - ma, una volta agitato bene come Nabla consiglia, i due colori si mescolano creando l'eyeliner must-have per le feste! Lo adoro e vi consiglio vivamente di non farvelo scappare!

BLOSSOM BLUSH
I blush che faranno parte di questa collezione sono due come per la Mermaid e rispecchiano qualsiasi esigenza:

Harper è un gioco d’equilibrio perfetto tra rosa quarzo pastello e pesca baby, un bellissimo color Big Babol dalla luminosità che in cialda non si nota ma che una volta applicato si fa notare in modo sobrio. E' il blush perfetto per dare un tocco di salute delicato su tutte le carnagioni. Non lo vedo né caldo né freddo e ciò contribuisce sicuramente a renderlo estremamente versatile.

Satellite of Love è un rosso bordeaux bruciato dal delicato riflesso blu. Il riflesso blu c'è e si vede parecchio facendo di esso un blush freddissimo. La tonalità così 'vampy' lo rende un ottimo blush autunnale/invernale. Sulle carnagioni chiare ha il suo effetto gotico, ma è sulle carnagioni scure che a mio parere potrebbe essere di grande effetto. E' pigmentatissimo quindi è necessario fare attenzione nel prelevarlo onde evitare di sovraccaricare il colore. L'ho utilizzato ieri sera nella piega dell'occhio come ombretto e mi è piaciuto moltissimo anche in quelle vesti.

CREME SHADOW
Dusk è l'unico créme shadow della collezione ed è descritto come un intenso rosa pesca di media tonalità con luminosissima perla oro al suo interno. E' il genere di colore che a me piace un sacco, indipendentemente dall'aspetto armocromatico del make-up, soprattutto durante la bella stagione e applicato sugli occhi azzurri. A tratti sembra pesca, ad altri vira più sul rosa. Il riflesso oro gli conferisce alta luminosità e brillantezza. La texture invece mi ha piacevolmente sorpresa: non sono un'amante dei créme shadow, posseggo già Husky e Christine e li ho trovati un po' secchini da applicare; questo invece l'ho sentito più cremoso ad tatto e ieri non ho avuto particolari problemi nell'applicazione e nella sfumatura. Sorvolando sul fatto che non possiedo ombretti in crama simili, posso dire che paragonato a Chopper di Urban Decay si nota come questo sia più ramato e freddo, Toxic invece è più rosato mentre il n°15 di Inglot ha una spiccata iridescenza oro.

OMBRETTI
Gli ombretti che faranno parte della nuova collezione sono otto e hanno finish molto diversi tra loro: abbiamo la nuovissima texture super-matte e la luccicante celestial, la tenue luminosità dei satin che si intensifica man mano che si passa ai bright e ai super bright. I colori sono perfettamente in linea con le tonalità tipiche di questa stagione ma si prestano anche ad essere adatti a qualsiasi altro periodo dell'anno.
Absinthe è descritto come iridescente dalla base color terracotta semitrasparente e dai riflessi fragola, teal e verde acqua. Fedelissimo alla descrizione, non percepisco i riflessi fragola ma quelli verde acqua ci sono tutti. E' un bellissimo ombretto, adoro i duochrome, soprattutto quelli con questi contrasti così notevoli. E' luminoso in maniera discreta. Mi ricorda moltissimo il mio pigmento preferito, ovvero Blue Brown di MAC, che però risulta molto più intenso e dal riflesso più azzurro; Mela Stregata invece ha una base porpora e un riflesso verde, molto diverso da Absinthe. Se non avete Blue Brown ve lo consiglio vivamente!

Paprika è un colore terra aranciato di media tonalità. Ha effettivamente lo stesso colore della spezia, a primo impatto avrei potuto addirittura dire di sentirne il profumo. Non ho colto molto bene la differenza di texture tra i due tipi di opachi di Nabla. Somiglia abbastanaza a Petra, risulta solo più caldo e aranciato mentre quest'ultimo a confronto sembra avere addirittura del grigio al suo interno. Se si possiede già Petra non consiglierei di prendere anche questo, a meno che non piaccia il genere.
Snowberry è descritto come un intenso rosa antico caldo di media tonalità. Molto fedele alla descrizione, a me piace moltissimo come colore. E' più freddo rispetto a Dusk in quanto gli manca la componente pescata quindi è sicuramente più versatile per quanto riguarda le carnagioni più fredde. La texture è burrosissima e la pigmentazione molto alta. Toxic di Urban Decay (dalla Vice2) gli somiglia molto ma è più luminoso e rosato, Burnout (dalla Naked3) invece è più rosa, freddo e chiaro.

Glasswork è dotato di una base semi-trasparente nocciola e multi-riflessi malva e argento. Luminosissimo e ghiacciato. Non c'è molto da dire su questo ombretto se non che va sicuramente a completare la gamma di celestial trasparenti. Water Dream ha una base quasi incolore mentre Nereide ha una base fredda e un riflesso argenteo.
Ludwig è descritto come un ombretto dalla base intensa di marrone scurissimo ed un riflesso rame-rosato particolarmente elettrico. Me lo aspettavo diverso, più luminoso e duochrome. Ha comunque una resa migliore di quanto sembrava da altri swatch che ho visto. Mi piace questa patinatura aranciata, gli da un twist particolare. L'ho affiancato a Fenice per farvi capire come mi aspettavo fosse a livello di luminosità e a Unrestricted per mostrare quanto invece sia più pieno e intenso.

Danae è forse il mio preferito tra tutti. Nabla lo descrive come un ombretto dalla base marrone bronzata calda semi trasparente e dai lussuosi riflessi oro-ramati e io non posso che essere d'accordo. Lo sto indossando ora e dovreste vedere la luce che emana. Sarà sicuramente la star delle feste natalizie assieme a Klimt. L'ho comparato a due ombretti che non c'entrano una mazza e quindi non mi dilungherò.
Radikal è un verde militare di media tonalità. In alcuni momenti sembra virare più al verde in altri sembra avere una componente più grigiastra. Non riponevo grosse aspettative in questo ombretto e invece mi piace moltissimo. L'ho applicato leggermente sugli occhi come sfumatura esterna e mi è piaciuta molto la pigmentazione. L'ho voluto affiancare a Robot per avere un riferimento di grigio e a Charming Sage di Kiko per far capire la gamma cromatica.

Luna invece è descritto come un rosa champagne chiaro. Io lo vedo anche un po' lilla. Sicuramente è freddissimo. E' il classico colore luminoso che funge per lo più da punto luce nei look. Io l'ho applicato sugli zigomi come illuminante e lo adoro! E' ottimo sulle carnagioni fredde per creare dei giochi di luce decisamente glaciali. Bootycall di Urban Decay a confronto sembra uno champagne, Sugar invece ha una base rosata e un riflesso oro, esattamente l'opposto di Luna e Glasswork potreppe quasi essere la sua versione celestial, un po' come per Sensuelle e Sugar, usciti quest'estate.

CONCLUSIONI

E' una bellissima collezione, molto variegata. Alcuni pezzi sanno decisamente di feste e di Natale, altre invece sono meravigliose anche per essere utilizzate durante tutto l'anno. Consiglio vivamente di non farvi sfuggire l'eyeliner Klimt, per nessun motivo al mondo! Dei rossetti invece mi sono piaciuti Dragonfire per la texture e Moulin Rouge per la particolarità. Dusk ha una consistenza che mi è piaciuta e i blush sono molto belli. Gli ombretti più particolari sono Radikal, Danae, Ludwig, Absinth (se vi piace il genere e non possedete ancora un ombretto di quel colore).
Mi sarebbe piaciuto vedere più tonalità fredde anche se l'anno scorso con la Artika c'era l'imbarazzo della scelta. Non mi lamento però.

La collezione GOLDUST sarà disponibile da giovedì 1 dicembre sul sito nablacosmetics.com e dai rivenditori autorizzati. Il lancio sarà accompagnato da una super promo.

Voi cosa acquisterete? Che ne pensate di questa collezione?



DISCLAIMER: i prodotti mi sono stati inviati dall'azienda a puro scopo valutativo. Ciò che avete letto è la mia personalissima e onesta opinione. Non sono pagata per parlare bene di alcun prodotto.

You Might Also Like

13 commenti

  1. Peccato per tutti quei rosini, un po' ripetitivi...

    Anyway, è una bella collezione e Ludwig e Danae saranno sicuramente miei *_*

    RispondiElimina
  2. ecco marta, prima di tutto congratulazioni, collaborazione meritatissima!! :) da un lato mi hai fatto volere dragonfire che snobbavo (ma penso che non lo prendero perche da profonda che sono sembrera un fanale), e dall'altro ho il dubbio paprika visto che ho petra..accidenti! dubbi amletici :) ottimo post, bellissime foto!
    prendo sicuro klimt, moulin rouge, danae, ludwig e radikal (e paprika?)..

    RispondiElimina
  3. ciao Marta! Congratulazioni per la collaborazione, meritatissima! Dopo aver visto i tuoi swatches ho deciso che mi lancerò all'acquisto di Arabesque, Glasswork e Luna. Sto ancora meditando su Satellite of Love, il colore mi piace ma ho paura che possa essere un pò soft. Secondo te è più adatto per IP o IPS? Complilmenti per il bellissimo post, completo e lineare *-* un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Alessandra! 😊
      Ti dirò, non ci capisco ancora moltissimo di armocromia ma posso dire che può essere un buon colore IP perché non ci vedo molto grigio all'interno, anzi, mi pare proprio non ci sia!

      Elimina
  4. complimenti per la collaborazione!!
    a me piace moltissimo questa collezione e sicuramente acquisterò qualche pezzo!

    RispondiElimina
  5. Arabesque è proprio il mio, sembra esserci scritto il mio nome. Mi piace anche Moulin Rouge ma su di me starebbe male, peccato.
    Comprerò anche l'eyeliner ed il blush più scuro credo.

    RispondiElimina
  6. Prima di tutto complimenti per la collaborazione.... la collezione mi intriga ma al tempo stesso mi lascia un po' perplessa. Non tutto mi fa impazzire come solitamente succede con Nabla e il tuo post con gli swatch è proprio quello che fa al caso mio per chiarirmi le idee!!!

    RispondiElimina
  7. Post splendido, lavoro ottimo!
    Questa collezione per me è un grandissimo MEH perché è calda, troppo calda. Nonostante tutto, la trovo bellissima, certo qualche tono un po' trito e ritrito ormai in casa Nabla, preferiscono sempre rimanere sul sicuro e lanciarsi poco in colori più "colorati", anziché rosini beigiolini pescatini e NOIA. Vabè, sicuramente altre saranno più contente di me :D
    Detto ciò, per quanto mi riguarda io salverei solo il blush più scuro e Dilemma che è stupendo. Ho un'insana attrazione per Moulin Rouge e Snowberry che devo uccidere perché mi starebbero da schifo XD

    RispondiElimina
  8. Ciao Marta ^^
    Davvero auguri per la collaborazione sono felicissima per te!!

    Klimt domani mattina sarà mio, assolutamente..c'è scritto sopra il mio nome :D

    Ila

    RispondiElimina
  9. Sappi che diventerai la mi spacciatrice ufficiale di swatch (sono EA pure io)! Inutile dire che fai delle bellissime foto e confronti, quello l'avevo già notato XD
    Sicuramente prenderò Arabescque e sono indecisa su uno dei blush, peccato però che non ci sia anche qualche ombretto freddo in più. Ho un dubbio su Radikal, secondo te è adatto a noi EA? Non riesco a cogliere se è caldo o no...
    ps: complimenti per la collaborazione! ^.^

    RispondiElimina
  10. davvero un'ottima review, molto completa sotto tutti i punti di vista!
    Ti meriti davvero questa collaborazione: era ora finalmente di leggere nuovi pareri sulle nuove collezioni in uscita e non sempre le solite (e spudoratamente di parte) blogger! :)

    RispondiElimina
  11. Io sono molto attratta dall'eyeliner, ma prima devo vedere l'applicatore come funziona, perché non sono molto pratica XD

    RispondiElimina
  12. splendido articolo, splendide foto, splendida tu... Son felice di averti trovata :* Benvenuta tra le mie blogger del cuore

    RispondiElimina

NO SPAM PLEASE

Subscribe